Pollini

.

Il polline è’ la cellula sessuale maschile (androspora) delle Spermatofite che sono le piante più evolute (Gimnosperme ed Angiosperme) del nostro pianeta. Il polline è una cellula microscopica che può assumere forme e dimensioni diverse. Nelle piante a fiore (angiosperme) il granulo pollinico viene generato nelle antere, germina sullo stigma emettendo un tubetto pollinico il quale attraversa lo stilo e penetra nell’ovulo fecondandolo. I pollini sono dei granuli costituiti, nella maggior parte dei casi, da un solo segmento (monade) con dimensioni variabili tra 10 micron e oltre 150 micron. Ogni granulo è costituito da una cellula rivestita da due membrane di protezione: quella più interna è denominata intina (costituita da cellulosa e pectine) quella più esterna esina o sporoderma (molto resistente e formata da polimeri e carotenoidi).

Questi tre strati citoplasma nucleare, intina ed esina possiedono caratteristiche utili ai fini del riconoscimento o classificazione del polline. La forma del polline può essere molto variabile: sferica, cilindrica, o simile ad una pera etc. Il granulo pollinico generalmente è munito di aperture dove l’esina risulta più sottile per favorire la germinazione del tubetto pollinico; tali aperture possono essere di numero, forma e dimensioni variabili o essere assenti.
Un aspetto molto importante è la struttura dello sporoderma che puo formare diverse sculture o disegni, con o senza escrescenze, che caratterizzano ogni polline. Altre particolarità che possono aiutare a distinguere i granuli tra loro sono il colore e la natura del citoplasma.

L’importanza del polline è macroscopica! Esso infatti è il rappresentante ed il portatore del codice genetico maschile necessario per la fecondazione della cellula sessuale femminile (l’ovulo) e la fusione del DNA femminile con quello maschile. Ciò porta alla formazione della progenie, del frutto, degli ortaggi dei legumi, dei cereali etc. Questi sono alimenti essenziali per la nostra dieta e per gran parte degli esseri viventi sulla terra.
A seguito della riproduzione sessuale, il polline è stato definito come “l’invenzione” naturale, che ha permesso la trasmissione dei caratteri del codice genetico da una pianta ad un’altra, permettendo in questo modo la fecondazione incrociata: primo significativo passo verso l’evoluzione delle specie e l’aumento della biodiversità.

Per ulteriori informazioni sui pollini potete contattarci tramite il nostro indirizzo email (info@ilpianetanaturale.org) o tramite i numeri telefonici che trovate nella sezione dei contatti.

1 Commento

Lascia un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento.